G.F. Marcato


S. MARIA ROSSA - Crescenzago (MI)
RESTAURO TOT. INTERNO CON SCOPERTA CICLO AFFRESCHI XXIII S

STRUTTURA ARCHITETTONICA E APPARATO DECORATIVO

Insigne esempio di “architettura lombarda cistercense”, la Chiesa risale al XII sec. La totalità delle superfici interne della Chiesa, organizzata in tre navate, è in stile lombardo-gotico, compreso il Cristo Pantocratore del Catino absidale. Totalmente rimaneggiata in un intervento del 1922, i lavori conferirono all’edificio un impianto decorativo in stile finto medievale. Anche l’architettura mostra i tipici  segni dell'epoca in cui i canoni di costruzione romanica si incontrano con i nuovi modelli che daranno vita allo stile gotico. Il materiale costruttivo usato per le strutture esterne è il cotto, di colore tipicamente rosso, dal quale la Chiesa trae il suo nome.

INTERVENTO

L’intervento ha visto il recupero e restauro totale del ciclo di affreschi del XIII sec.(mq. 500 ca) e dei materiali lapidei (cotto e pietra). A partire dal settore dell’Abside, dove anche il Cristo non era stato dispensato dai ritocchi degli anni ‘20, sono inizialmente stati eseguiti sondaggi stratigrafici che hanno rivelato la presenza di dipinti di epoca medievale al di sotto le decorazioni superficiali. Il prezioso ciclo di affreschi del Trecento, scoperto durante i lavori di restauro, interessava inoltre tutte le superfici del Presbiterio e della Navata. La  decorazione è infatti forse oggi l’unica, tra i cicli murali duecenteschi pervenutici, a serbare, all’interno del frammentario contesto pittorico milanese del periodo, la quasi totalità delle sue raffigurazioni. Di S. Maria Rossa colpisce pertanto non soltanto l’importanza dei lavori dal punto di vista artistico, ma anche la qualità, estensione e bellezza del ciclo pittorico stesso, in cui si riescono a leggere alcuni episodi della vita di Maria, compreso l’annuncio della sua morte da parte dell’arcangelo Michele; una scena rarissima nella storia dell’arte, ispirata da un racconto dei Vangeli apocrifi. La chiesa era infatti stata decorata con l’intento di onorare le celebrazioni funebri: a parte appunto il racconto della morte della Vergine, ci sono dei simboli specifici, come per esempio il grifone, guardiano del luogo sacro, accompagnatore e difensore dei defunti. Durante i restauri, nella Cappella della Madonna è stata anche recuperata una pregevole finta architettura del Seicento. In conclusione, obiettivo dei lavori è stato quindi portare alla luce le superfici affrescate del XIII e del XVII sec. (Cappella) attraverso il completo discialbo delle più recenti intonacature e pitturazioni, conseguente recupero delle stesse con cicli di lavorazione di pulitura graduata, consolidamento ed integrazione pittorica.

Risorse
Filmato
Visita Virtuale
Pubblicazioni
Rassegna stampa

 Immagini (19 )


Vista Navata centrale e Presbiterio, dopo i lavori

Vista laterale, dopo i lavori

Vista volte Navata restaurate

Grande affresco restauarto

Costoloni e decorazioni autentiche restaurati

Costoloni e decorazioni autentiche restaurati
 Altre immagini
Prima e dopo (16)
Particolari (12)
Il Team (1)
Restauri autorizzati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano
 
G.F. Marcato