G.F. Marcato


S. GIORGIO E M. IMMACOLATA - Carimate (CO)
RESTAURO TOTALE INTERNO

STRUTTURA ARCHITETTONICA E APPARATO DECORATIVO

 

Tempio a pianta centrale risalente al 1752, la Chiesa si presenta maestosa sia da un punto di vista architettonico che decorativo con una decorazione interna ricca di affreschi, decorazioni a secco, dorature e materiali lapidei (pietra, marmo e stucchi). Conclusi nel 1925 gli affreschi della Cupola e del Presbiterio da parte del noto pittore Luigi Morgari, le opere sono una testimonianza della pittura dell’epoca ed una buona rappresentazione di importanti scene della nostra vita religiosa.

 

INTERVENTO

 

Il restauro totale dell’apparato decorativo interno della Chiesa è partito da un’attenta pulitura delle superfici (graduata e differenziata a seconda dei materiali) e dalla rimozione dei depositi coerenti e incoerenti; in una seconda fase si è proceduto con il consolidamento delle sacche interstrato della materia cromatica attraverso iniezioni e stuccature, il totale ripristino degli stucchi e delle cornici con le necessarie reintegrazioni plastiche e, in ultimo, la  presentazione estetica mediante ritocco e con l’uso di prodotti reversibili. Il restauro ha inoltre previsto il recupero delle quattro finestre del Catino Absidale (murate in tempi non lontani) con l’inserimento di vetrate artistiche che hanno restituito l’originaria luminosità al Tempio. Per finire, la messa a norma dell’impianto elettrico e lo studio di un nuovo impianto di illuminotecnica hanno completato l’opera donando alla Chiesa nuova luce e splendore.

Risorse
Pubblicazioni

 Immagini (8 )


Vista degli interni dopo il Restauro

L' Abside di nuovo illuminata dalle finestre ripristinate durante i restauri

Vista della parete del fondo Chiesa dopo il restauro

La Cappella dopo i lavori

Gli interni prima del Restauro

Il degrado dell' apparato decorativo nella zona absidale
 Altre immagini
Prima e dopo (12)
Particolari (26)
Restauri autorizzati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano
 
G.F. Marcato