G.F. Marcato


S. VITTORE MARTIRE - CAPPELLA S. ANNA - Corbetta (MI)
RESTAURO CONSERVATIVO E PITTORICO DELLE CAPPELLE

STRUTTURA ARCHITETTONICA E APPARATO DECORATIVO

Le origini della Chiesa risalgono al IV/V secolo, come documentano i resti ritrovati nel 1971 sotto il pavimento dell'attuale chiesa, di una Basilica paleocristiana ad aula rettangolare di circa 10x20 metri coperta a capriate e dedicata a S. Vittore. La Chiesa viene rifatta, sempre a navata unica, in epoca longobarda. Si succedono rimaneggiamenti e ampliamenti fino al 1792 quando l'Arch. Pietro Taglioretti progetta l'attuale chiesa in eleganti forme neoclassiche con impianto a tre navate divise da sedici colonne architravate con capitelli ionici. Otto altari minori sono ricavati nelle due navate laterali alternati a nicchie con statue e santi.  Nell'ottobre 1891 Monsignor Paolo Angeli Ballerini consacra la chiesa, ma le vicende costruttive di S. Vittore non sono terminate: infatti i corbettesi innalzano il campanile della chiesa, risalente al 1696, da 42 a quasi 82 metri, causandone il 2 giugno  1902 un rovinoso crollo dovuto all'eccessivo carico. Nel 1908 il campanile viene ricostruito e ridotto all'altezza attuale di 71 metri.

INTERVENTO

Il progetto di restauro č il terzo ed ultimo lotto dell'intervento globale  che ha riguardato la Chiesa di S. Vittore Martire e prevede il recupero delle superfici esistenti attraverso il restauro puntuale e attento eseguito con tecniche esecutive mirate e materiali idonei che consentano di operare nel massimo rispetto delle caratteristiche architettoniche e materiche intrinseche del manufatto. Le fasi dell'intervento saranno differenziate per ogni singola Cappella e a seconda delle tipologie di degrado riscontrate.

 

 Immagini (1 )


Vista della Volta prima del restauro
 Altre immagini
Particolari (14)
Restauri autorizzati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano
 
G.F. Marcato